Lions Club Potenza Host: una lapide per i caduti della Grande Guerra

Lions Club Potenza Host: una lapide per i caduti della Grande Guerra

Il Lions Club Potenza Host ha deposto una lapide in memoria dei caduti lucani della Grande Guerra nella Cappella del Risorto al cimitero Monumentale di Potenza. La cerimonia si è tenuta sabato 20 giugno e ha rappresentato la conclusione del service sulla prima guerra mondiale iniziato sui luoghi della memoria, nello scorso ottobre , allorquando i soci del club hanno visitato Trieste, Redipuglia, Palmanova e Aquileia per onorare i tantissimi caduti nella Grande Guerra con profondi momenti di raccoglimento e di riflessioni.

7

Alla cerimonia di deposizione della lapide, tra le varie autorità, erano presenti il sindaco di Potenza Dario De Luca e il generale Vincenzo Procacci, comandante della Legione carabinieri Basilicata. Prima di deporre la lapide all’interno della cappella, il gruppo dei convenuti si è portato sul Sacrario Militare dove è stata deposta una corona in memoria dei caduti. In chiesa il colonnello Pasquale Bruno, presidente del Lions Club Potenza Host, ha espresso profondo ringraziamento per chi si è immolato per la patria e ha ricordato Maria Bergamas, la madre del Milite Ignoto, le cui spoglie riposano alle spalle della Basilica di Aquileia insieme a quelle di tanti giovani eroi. Il presidente Bruno ha menzionato anche Melvin Jones, il fondatore del Lions Club International, che proprio negli anni della Grande Guerra in America, unitamente ai suoi amici, pensò come, insieme, tutti loro avrebbero potuto “servire” (la finalità del Lions) il territorio e i cittadini in un momento di distruzione e difficoltà.

fonte: comunicato stampa Lions Club Potenza Host

L'autore

Pietro Scognamiglio
Pietro Scognamiglio

Giornalista professionista, racconto il calcio su Dazn ed Eleven Sports. Scrivo su Ubitennis.com. Sono passato da Calciomercato.com, Radio Sportiva, Il Quotidiano del Sud, Tele Norba. Laureato in Scienze Politiche con una tesi sul rapporto tra il tifo calcistico e i media.