Verso Napoli-Juventus con la difesa a tre: per Allegri è un ritorno al futuro

Verso Napoli-Juventus con la difesa a tre: per Allegri è un ritorno al futuro

Al San Paolo con tre difensori centrali, così pare. Allegri sembra aver deciso, ma questo è il giorno giusto per trovare la definitiva ispirazione. Dove eravamo rimasti? Esattamente sei anni fa, 29 novembre 2011. Era martedì e si recuperava un Napoli-Juventus rinviato qualche settimana prima a causa del maltempo. Mazzarri contro Conte, che al suo primo anno in bianconero si stava già smarcando dal dogma del 4-2-4.

Il tridente di casa era Hamsik-Lavezzi-Pandev, con gli esterni Maggio e Zuniga invogliati a spingersi sulla trequarti offensiva. Dalla panchina bianconera arrivò la contromossa, a sorpresa: la BBC a presidiare l’area, i due esterni Lichsteiner ed Estigarribia a tutta fascia per difendere a cinque in fase di non possesso.  La Juventus risalì da 3-1 a 3-3, una rimonta dal significato più importante del semplice punto in classifica. Quel 3-5-2 (che poi ha fatto scuola) nacque così, per diventare da inizio 2012 benzina di un motore che non ha conosciuto avarie. Almeno in Italia.

L’articolo completo su Calciomercato.com

Twitter @pietroscogna

L'autore

Pietro Scognamiglio
Pietro Scognamiglio

Giornalista professionista, scrivo su Calciomercato.com, IlBianconero.com e Ubitennis.com. Telecronista Eleven Sports. Già in onda su Radio Sportiva. Cresciuto nella redazione de Il Quotidiano del Sud - edizione Basilicata. In passato anche TeleNorba. Laureato in Scienze Politiche con una tesi sul rapporto tra il tifo calcistico e i media.