Verso Napoli-Juventus con la difesa a tre: per Allegri è un ritorno al futuro

Verso Napoli-Juventus con la difesa a tre: per Allegri è un ritorno al futuro

Al San Paolo con tre difensori centrali, così pare. Allegri sembra aver deciso, ma questo è il giorno giusto per trovare la definitiva ispirazione. Dove eravamo rimasti? Esattamente sei anni fa, 29 novembre 2011. Era martedì e si recuperava un Napoli-Juventus rinviato qualche settimana prima a causa del maltempo. Mazzarri contro Conte, che al suo primo anno in bianconero si stava già smarcando dal dogma del 4-2-4.

Il tridente di casa era Hamsik-Lavezzi-Pandev, con gli esterni Maggio e Zuniga invogliati a spingersi sulla trequarti offensiva. Dalla panchina bianconera arrivò la contromossa, a sorpresa: la BBC a presidiare l’area, i due esterni Lichsteiner ed Estigarribia a tutta fascia per difendere a cinque in fase di non possesso.  La Juventus risalì da 3-1 a 3-3, una rimonta dal significato più importante del semplice punto in classifica. Quel 3-5-2 (che poi ha fatto scuola) nacque così, per diventare da inizio 2012 benzina di un motore che non ha conosciuto avarie. Almeno in Italia.

L’articolo completo su Calciomercato.com

Twitter @pietroscogna

L'autore

Pietro Scognamiglio
Pietro Scognamiglio

Giornalista professionista, racconto il calcio su Dazn ed Eleven Sports. Scrivo su Ubitennis.com. Sono passato da Calciomercato.com, Radio Sportiva, Il Quotidiano del Sud, Tele Norba. Laureato in Scienze Politiche con una tesi sul rapporto tra il tifo calcistico e i media.